CAMBIO DI RESIDENZA (PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE/ESTERO) O DI ABITAZIONE (CAMBIO DI INDIRIZZO ALL’INTERNO DELLO STESSO COMUNE)

Chiunque trasferisca la propria dimora abituale nel nostro comune o cambi indirizzo al suo interno, dovrà, entro il termine di 20 giorni dal trasferimento, compilare il modulo di dichiarazione di residenza conforme al modello del Ministero dell’Interno con gli elementi necessari per poter verificare la dimora abituale dichiarata

La dichiarazione può essere resa, in caso di nucleo familiare, da un qualsiasi componente della famiglia, purché maggiorenne. I restanti componenti maggiorenni del nucleo devono comunque sottoscrivere il modulo di richiesta ed allegare fotocopia di documento d’identità in corso di validità. In caso di dichiarazioni mendaci il dichiarante sarà denunciato alle competenti autorità, per le responsabilità penali, ai sensi degli artt. 75 e 76 del D.P.R. 445/2000.

Per le persone che entrano in una convivenza (collegio, convitto, caserma, ecc...), è il capo-convivenza (non il diretto interessato) che effettua il cambio di indirizzo, sull'apposito modulo per convivenze corredato di data, timbro e firma del capo convivenza.

La persona che richiede il cambio di residenza deve compilare chiaramente e completamente tutti i campi del modulo obbligatori, cioè quelli contrassegnati da un asterisco ed allegare i documenti richiesti. In caso contrario la domanda è IRRICEVIBILE.

Il cambio di residenza/abitazione può avvenire con subentro in alloggio libero o con sistemazione in alloggio occupato, nel qual caso sarà necessario fornire le generalità dell'occupante, l'eventuale relazione di parentela e produrre copia del documento di identità personale del medesimo.

Tutti i cittadini ai sensi del D.L. n. 47 del 28.3.2014 dovranno produrre la documentazione attestante in base a quale titolo (contratto d'affitto o di proprietà) detengono l'immobile; occorre comunque la dichiarazione del proprietario dell'immobile nel caso in cui l'occupazione dell'alloggio avvenga a titolo gratuito o per ospitalità.

In assenza di dichiarazione o di documentazione che comprovi il titolo alla detenzione dell'immobile, la domanda di residenza è irricevibile.

 Si ricorda che la dichiarazione di residenza sarà considerata irricevibile nei seguenti casi:

-        quando il modulo e/o la documentazione ad esso allegata risulta parzialmente o totalmente illeggibile;

-        quando non sono compilati i campi obbligatori contrassegnati da un solo asterisco (*);

-        quando il modello non è sottoscritto dal richiedente o dai soggetti maggiorenni;

-        quando non è stato allegato il documento d'identità del richiedente o del maggiorenne;

-        quando mancano i documenti specificati nei punti sotto elencati. Si precisa che sono obbligatori tutti i documenti contrassegnati da un asterisco (*) mentre quelli contrassegnati da due asterischi (**) sono necessari per la registrazione nell'anagrafe del rapporto di parentela e per il rilascio della certificazione.

Se le dichiarazioni non sono sottoscritte in presenza del dipendente pubblico, dovranno essere accompagnate da una fotocopia del documento di riconoscimento del richiedente e delle altre persone che trasferiscono la residenza.

In caso di coniugi, adozione, parentela, affinità o vincoli affettivi di qualsiasi genere tra i componenti della famiglia già residente e i richiedenti, sarà costituita una sola famiglia anagrafica.

E' comunque previsto che in assenza di vincoli e relazioni di parentela, di cui alla definizione di famiglia anagrafica, il dichiarante possa decidere di entrare a far parte del nucleo familiare già residente. La dichiarazione già resa sull'esistenza dei vincoli affettivi non può essere soggetta a continui ripensamenti. I vincoli stessi sono da intendersi cessati soltanto con il cessare della coabitazione.

I componenti della famiglia subentrante vanno ad aggiungersi, nell'ordine in cui sono indicati ai componenti della famiglia già esistente.

 

Non costituiscono famiglia anagrafica a se stante i figli che si sposano e che continuano a coabitare con i genitori.

Una famiglia anagrafica può essere composta anche da una sola persona.

 

L'Ufficiale d'Anagrafe potrà verificare, tramite opportuni accertamenti, la veridicità delle dichiarazioni rese.

 

L'istanza di cambio di residenza implica che contestualmente si svolgano le seguenti dichiarazioni:

-        dichiarazione per l'applicazione della TARI/IMU

-        aggiornamento dell'indirizzo su libretti di circolazione di autoveicoli, rimorchi, motoveicoli e ciclomotori. Dal 1° gennaio 2013, l'aggiornamento dell'indirizzo sulle patenti di guida non avviene più mentre l'aggiornamento sul libretto di circolazione dei veicoli a seguito del cambiamento di residenza, ha luogo direttamente d'ufficio a cura del comune che rilascia una ricevuta provvisoria da conservare con il libretto di circolazione fino all'aggiornamento definitivo. Entro 180 giorni dalla dichiarazione resa all'Ufficiale d'Anagrafe, il cittadino riceverà alla propria residenza un tagliando che sostituirà quello provvisorio e che dovrà essere apposto sui documenti da aggiornare. Se entro 180 giorni l'interessato non riceve il tagliando, si potrà rivolgere al numero verde: 800-23 23 23.

PROCEDIMENTO

L'Ufficiale d'Anagrafe provvederà, nei due giorni lavorativi successivi alla protocollazione dell’istanza, alla registrazione delle dichiarazioni ricevute, fermo restando che gli effetti giuridici decorrono dalla data di presentazione delle stesse.

La data di decorrenza dell'iscrizione anagrafica sarà comunque quella in cui è stata presentata la dichiarazione.

Nei 45 giorni successivi alla dichiarazione resa o inviata, l’Ufficiale di Anagrafe provvederà ad effettuare l’accertamento dei requisiti previsti per il cambio di residenza. Il rispetto del termine di 45 giorni è garantito dalla presentazione o dall'invio della dichiarazione esclusivamente nei modi ed agli indirizzi/numeri indicati in calce alla presente.

Qualora, decorso il termine suddetto, non vengano comunicati all’interessato gli eventuali esiti negativi degli accertamenti svolti, quanto dichiarato si considera conforme alla situazione di fatto (Art. 20 L. 241/90, silenzio-assenso).

Nel caso in cui gli accertamenti diano invece esito negativo, l’Ufficiale d’Anagrafe comunicherà all’interessato i requisiti mancanti o gli accertamenti negativi svolti ed egli, entro 10 giorni dal ricevimento di tale comunicazione, ha diritto di presentare per iscritto le proprie osservazioni, eventualmente corredate da documenti.

La comunicazione del preavviso di rigetto interromperà i termini del procedimento che iniziano nuovamente a decorrere dalla data di presentazione delle osservazioni o, in mancanza, dalla scadenza del termine di 10 giorni di cui sopra.

Nel caso di mancato accoglimento delle osservazioni, l’Ufficiale di Anagrafe indicherà la motivazione nel provvedimento con cui avviserà l’interessato del definitivo esito dei controlli svolti, nonché del conseguente ripristino della posizione anagrafica precedente.

In presenza di accertamento negativo, l'interessato sarà cancellato dall'Anagrafe con effetto retroattivo.

In caso di dichiarazioni non rispondenti al vero si applicano gli articoli 75 e 76 del D.P.R. n. 445/2000 i quali dispongono: la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione ed il rilievo penale della dichiarazione mendace. In caso di discordanza tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti il dichiarante sarà quindi segnalato alle autorità di Pubblica Sicurezza e sarà ripristinata la posizione anagrafica precedente.

Le dichiarazioni anagrafiche di cambio di residenza devono pervenire agli uffici, utilizzando esclusivamente il modulo in calce, con le seguenti modalità:

-        attraverso gli sportelli di front-office dell'Ufficio Anagrafe;

-        per raccomandata, indirizzata a Comune di Meduno – Ufficio Anagrafe – Via Roma 15 – 33092 Meduno;

-        per fax al numero 04278500 (la dichiarazione deve essere corredata da copia del documento d'identità del dichiarante);

-        per via telematica:

a)    via PEC all’indirizzo comune.meduno@certgov.fvg.it. La dichiarazione deve essere:

1.    sottoscritta con firma digitale;

2.    oppure l'autore deve essere identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la dichiarazione;

3.    trasmessa attraverso la casella di posta elettronica certificata del dichiarante;

b)    via POSTA ELETTRONICA SEMPLICE all’indirizzo anagrafe@comune.meduno.pn.it. La dichiarazione recante la firma autografa e la copia del documento d'identità del dichiarante devono essere acquisite mediante scanner.

 

DOCUMENTI DA PRODURRE:

-        documento d'identificazione valido;

-        codice fiscale;

-        fotocopia delle patenti e dei libretti di circolazione dei veicoli di tutti i componenti il nucleo familiare interessati al trasferimento

 

I CITTADINI COMUNITARI, dovranno inoltre dimostrare di possedere i requisiti previsti dal Decreto Legislativo n.30/2007 (allegato A)

I CITTADINI EXTRACOMUNITARI dovranno essere anche in possesso di permesso di soggiorno o carta di soggiorno valida (allegato B)

 

COSTI: nessuno

 

ALLEGATI

 dichiarazione cambio residenza o abitazione

 ALLEGATO A Elenco documenti per iscrizione anagrafica cittadini UE

 ALLEGATO B Elenco documenti per iscrizione anagrafica cittadini extra UE

 dichiarazione regolarità occupazione alloggio da parte del cedente a titolo gratuito

 trasferimento residenza - cambio abitazione, di minore. Assenso del genitore

 trasferimento residenza - cambio abitazione, di minore. Comunicazione dati altro genitore per assenso

 

 

Norma di riferimento

R.D. 16.3.1942 n. 262 - Approvazione del Testo del Codice Civile (Titolo III - Del domicilio e della residenza)

L. 24.12.1954 n. 1228 - ordinamento delle anagrafi della popolazione residente

D.P.R. 30.8.1989 n. 223 - Nuovo Regolamento anagrafico della popolazione residente

D.P.R. 28.12.2000 n. 445 - Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa

D.L. 9.2.2012 n.5 - art. 5 - convertito in L. 4.4.2012 n. 35

Unità responsabile istruttoria

Area Amministrativa Finanziaria

Telefono unità responsabile istruttoria

0427/86130 int. 1

E-mail

anagrafe@comune.meduno.pn.it

Incaricato istruttoria

Dania Masutti, Flavia Tomba

Responsabile Procedimento

Flavia Tomba

Termini presentazione della domanda

Entro 20 giorni dal trasferimento di residenza/abitazione

Termini procedimento

2 giorni